giovedì 6 febbraio 2014

INVOLTINI DI POLLO

Oggi vi propongo una ricetta che donerà alla vostra tavola colore e leggerezza, non dimenticando il gusto e la sostanza: gli involtini di pollo. Ma prima voglio raccontarvi la storia del filosofo scienziato inglese Francesco Bacone (1561-1626) e il pollo. Una fredda mattina, durante la sua usuale passeggiata in carrozza con l'amico Witherborne, Bacone si accorse che la ruota aveva fatto affiorare dell'erba fresca e verde, come se fosse appena spuntata. Sceso dal mezzo, si recò presso un'abitazione poco lontana e acquistò un pollo. Lo fece sgozzare ed eviscerare, quindi lo riempì di neve. La sua intenzione era quella di dimostrare che, oltre alla già ben nota conservazione sotto sale, gli alimenti potessero mantenersi a lungo senza deteriorarsi anche a basse temperature. Purtroppo non si hanno notizie storiche certe sull'esperimento di Bacone, anche perché il poverino fu sopraggiunto da un malore, e, portato a letto dall'amico fidato, di li a pochi giorni morì di polmonite. Per 4 persone:

400 g di petto di pollo
2 uova
1 cipolla
4 carote
200 g di pancetta a fette sottilissime
1 mozzarella
origano, olio, sale, pepe nero

Tritate abbastanza finemente la cipolla e le carote e mettetele in un tegame con 1 bicchiere d'acqua e 2 cucchiai d'olio. Tagliate a strisce la mozzarella e con le 2 uova fate una frittatina. Stendete sul piano di lavoro le fette di petto di pollo. Non devono essere molto grandi, eventualmente tagliatele in modo da ottenere degli involtini di circa 6 cm. Adagiate su ogni pezzo di pollo una fettina di pancetta, un po' di frittata e una striscia di mozzarella. Fate attenzione a non far fuoriuscire il ripieno, sopratutto la mozzarella durante la cottura, fondendosi, potrebbe colare via :-( Cospargete di origano e arrotolate su se stesso l'involtino. Chiudetelo per benino da tutti i lati con degli stuzzicadenti e mettetelo in tegame. Procedete così formando gli altri involtini di pollo. Regolate di sale e spolverizzate con una bella presa di pepe nero. Cuocete per 30 minuti a fuoco medio rigirandoli di tanto in tanto.


6 commenti:

  1. leggeri e....squisiti!!!!brava.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, ma questa volta non è tutta farina del mio sacco, approfitto per ringraziare di cuore Assunta, che mi ha fornito ricetta e ottimo prodotto finito. Buon w-e :-)))

      Elimina
  2. Risposte
    1. Visto che buoni? Ringraziamo ancora la nostra sorellona :-)))

      Elimina
  3. Si puo usare anche il tacchino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo suggerimento, caro Kuku, soprattutto per le tasche, grazie :-)))

      Elimina